Come guidare a Cuba

Guidare a Cuba non è facile! Scordatevi le strade del nostro paese… là non troverete niente di simile!

La maggior parte delle strade è in pessime condizioni: segnaletica inesistente, buche ovunque, asfalto inadeguato, indicazioni stradali assenti o poco presenti!

L’autostrada, che loro chiamano carrettera principal, si dirama dal centro de l’Havana fino a Ciego de Avila, cittadina a 400 km a sud della capitale. Da lì fino ad arrivare al profondo sud dell’isola ci sono solo “strade paesane” non in buono stato. Non si può nemmeno scegliere: per andare da una città all’altra, da un paese all’altro esiste un unico percorso e quindi si è costretti ad affrontare le uniche strade che permettono questi collegamenti.

La carrettera principal ha comunque il pregio di essere molto ampia ma come tutte le altre strade non è in buone condizioni: è piena di buche, l’asfalto quando presente lascia molto a desiderare e inoltre durante la guida dovrete fare molta attenzione a non investire tutte le migliaia di persone ai cigli della strada che vi chiederà un passaggio o vi vorrà vendere formaggi, dolci e ortaggi vari! Spesso e volentieri si deve far fronte ad una vera e propria gincana! Di certo non vi annoierete durante la guida!

Per tutte queste ragioni ci sembra più che ovvio e molto giudizioso guidare solo ed esclusivamente nelle ore diurne. E anche perchè le strade sono completamente prive di illuminazione, quindi se volete evitare spiacevoli incidenti cercate di arrivare a destinazione prima che faccia buio!

E’ usanza abbastanza diffusa il dare passaggi. L’autostop è, infatti, un modo molto comune per spostarsi!
Usanza sia tra gli stessi cubani, sia tra turisti e cubani: essendoci poche indicazioni stradali, i turisti tendono a dare passaggi agli autoctoni in cambio di informazioni stradali. Quindi con un po’ di buon senso e con le opportune precauzioni può essere un modo piacevole e originale di fare quattro chiacchiere con la popolazione locale!

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.