Hotel Ambos Mundos a l’Avana: l’Hotel preferito di Ernest Hemingway

hotel-ambos-mundos

L’Hotel Ambos Mundos è uno degli hotel più famosi e visitati all’Avana Vecchia a Cuba.
E il motivo è molto semplice: era l’hotel preferito dello scrittore Ernest Hemingway che amava soggiornarvi quando si trovava nella capitale cubana.
L’hotel di cinque piani si trova all’angolo tra Calle Obispo e Mercaderes nella parte vecchia della città; ha una forma quadrata e il suo bel colore rossastro non lo fa passare di certo inosservato.
Negli anni ‘20 il suolo dove ora è situato l’hotel, ospitava una serie di case popolate da varie famiglie; lo spagnolo Antolín Blanco Arias acquistò una casa e, dando mandato all’architetto Luis Hernandez Saggio, ordinò di costruire quello che è oggi l’Hotel Ambos Mundos: una struttura bella de vedere, in armonia con lo stile coloniale di Cuba e ricca di ricordi all’interno.

L’hotel diventò ben presto famoso a causa della presenza costante del famoso scrittore, amante di Cuba e de l’Havana.
L’Hotel Ambos Mundos diventò fin da subito la sua casa, si affezionò ad una stanza al quinto piano, fino al punto di soggiornare sempre nella solita ogni volta che si trovava a l’Avana: la numero 511.
Si narra che grazie alla vista che poteva osservare dalla sua camera, una panoramica della città, del porto e del mare, l’ispirazione lo portò a scrivere il celebre romanzo “Per chi suona la campana”.
Hemingway soggiornò in hotel fino alla fine degli anni 30 quando si spostò in una casa sulle colline vicine a l’Havana, Finca Vigia, dove visse con la moglie Martha Gellhorn.
Oggi la camera 511 è stata trasformata in un piccolo museo, visitabile durante il giorno: al suo interno è possibile vedere alcuni oggetti di Hemingway, come una macchina da scrivere e alcuni testi.
Al piano inferiore una parete della hall ricorda lo scrittore con alcune fotografie inedite.
Merita una visita anche la terrazza all’ultimo piano per un panorama mozzafiato della città.

hotel-ambos-mundos
Una curiosità: perché Hemingway scelse proprio l’Hotel Ambos Mundos come residenza? Aveva qualcosa di speciale oltre al panorama?
Ebbene si! Era posizionato all’incrocio di una strada facile da individuare soprattutto se si era alticci… Proprio così, il grande scrittore, appassionato di Mojito e Daiquiri, spesso la sera si concedeva qualche bicchierino di troppo, ed ecco quindi che la facilità della posizione dell’hotel giocava un ruolo fondamentale nel permettergli di ricordare la strada e rientrare sano e salvo a casa!

{ 0 commenti… aggiungine uno adesso }

Lascia un commento

Articolo precedente:

Articolo successivo: